Turismo Accessibile - entroterra Corsica

Accessibilità vuol dire turismo per tutti e cultura del territorio

Chi mi conosce, sa che da sempre sono attenta alle dinamiche del territorio e alle necessità del prossimo, specialmente quando si parla del diritto al tempo tempo libero e alla vacanza.

Nei miei articoli e con le attività di formazione che svolgo, includo sempre l’importanza dell’inclusione e della possibilità per tutti di fare turismo, a prescindere dalla condizione momentanea o permanente della persona.

Turismo Accessibile Langhe - Fabrizio Marta Rotellando

Turisti con disabilità

Ecco alcuni strumenti utili che possano contribuire alla diffusione di una concreta cultura della progettazione for all (“per tutti”), per considerare le diverse e diversificate esigenze della popolazione, in maniera costruttiva e creativa.

Manifesto della Cultura Accessibile a Tutti

Vi riporto brevemente il Manifesto della Cultura Accessibile a Tutti, che potete scaricare e leggere con calma.

In seguito “Linee guida per l’accessibilità dei paesaggi vitivinicoli del Piemonte”

Un manifesto promosso dalla CPD di Torino (Consulta per le Persone in Difficoltà) in collaborazione con l’ISITT (Istituto Italiano per il Turismo per Tutti).

Al Manifesto della Cultura Accessibile a Tutti, prodotto alcuni anni fa aderiscono numerosi Enti impegnati sul fronte culturale, sociale e della disabilità.

Il Manifesto stesso è diviso in dieci punti.

  1. Conoscere, considerare e conciliare le differenti esigenze della pluralità delle persone
  2. Offrire un’esperienza culturale appagante per qualsiasi persona
  3. Miscelare ed equilibrare l’accessibilità agli spazi, all’esperienza e all’informazione
  4. Privilegiare l’aspetto relazionale, educativo e l’accoglienza
  5. Comunicare in modo positivo, non discriminante ed escludente
  6. Ricorrere a pluralità di modalità comunicative e all’uso appropriato delle tecnologie
  7. Fornire informazioni oggettive per permettere un’autovalutazione dell’offerta culturale
  8. Promuovere la formazione degli operatori nei confronti dell’accessibilità alla cultura
  9. Invitare gli artisti a considerare le istanze dell’accessibilità
  10. Promuovere la ricerca sui temi della cultura accessibile

Il tutto, in applicazione dell’articolo 30 (Partecipazione alla vita culturale e ricreativa, agli svaghi ed allo sport) della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità.

L’Associazione per il Patrimonio dei Paesaggi Vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato, si anche impegnata nella pubblicazione intitolata Linee guida per l’accessibilità dei paesaggi vitivinicoli del Piemonte, il cui obiettivo primario, come sottolineano i promotori, «è quello di fornire agli amministratori locali, agli operatori e alla popolazione uno strumento di riflessione in grado di proporre stimoli e suggerimenti per intraprendere un percorso di crescita e miglioramento, che miri allo sviluppo di un sistema territoriale più inclusivo e consapevole, creando soluzioni e proposte sempre più diversificate, modulabili e adattabili anche alle specifiche esigenze delle persone con disabilità.

Il manuale per organizzare eventi accessibili

E infine, ma non ultimo strumento, il manuale scaricabile per Organizzare eventi accessibili.

Un piccolo vademecum per progettare e realizzare manifestazioni senza barriere.

Una guida che propone indicazioni, suggerimenti, principi e approcci per realizzare eventi inclusivi per tutti i pubblici, all’insegna di una facile consultazione rivolta a tutti coloro che operano, in modo diretto o indiretto, nella promozione, pianificazione e organizzazione di eventi e manifestazioni pubbliche, indoor e outdoor, pubblici e privati, culturali, sportivi, musicali, ricreativi, religiosi, fieristici e altro ancora.

Per avere maggiori informazioni sono a disposizione. 

Oppure, torna ad Attività e Servizi o lasciami un messaggio e visita anche www.silviabadriotto.it per conoscermi meglio

Grazie Silvia